Estemporanea

Ho alzato la gonna di una amica oggi.

Una lunga, larghissima gonna di jeans, con l’elastico in vita e le pieghe morbide che scendevano lungo i fianchi.

La lunghezza arrivava alle caviglie, quella lunghezza che lascia scoperti i malleoli e niente più.

Le ho alzato la gonna durante un innocente gioco con le corde, lei era sdraiata sul letto e le stavo mostrando, senza nessuna pretesa di maestria alcuna, come legare le caviglie ed appenderle al bordo superiore del letto a baldacchino.

Lei quella gonna, quando le ho sollevato le gambe, la teneva stretta tra i polpacci e le cosce, come se le due cose fossero un pezzo unico, ché quasi non riuscivo a passarci la corda in mezzo.

Appena ne ho scostato un lembo…ho intravisto qualcosa di speciale: indossava calze velate auto reggenti, nere.

Così sexy, così provocanti, che mai avrei pensato che sotto una gonna così anonima, a tratti goffa e poco attraente potesse nascondersi un tale tesoro.

Ho passato la mano in quella fessura appena creata tra il tessuto jeans e la pelle, facendo scorrere la corda, e la gonna è scivolata un po’ più giù.

E la parte superiore delle gambe, quella scoperta, quella appena sopra il pizzo auto reggente, è languidamente apparsa ai miei occhi; le gambe erano ancora chiuse e la forma gentilmente rotonda delle natiche appena accennata, ancora incorniciata dalle pieghe della gonna, si è fatta largo tra le onde create dal tessuto, invitante.

estemporanea

Artwork by me

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...